Review Party: Recensione di “La corte di fiamme e argento” di Sarah J. Maas

Nonostante la guerra contro Hybern sia ormai finita, Nesta alimenta in sé una rabbia sempre più incontrollabile: il suo spirito ribelle e scontroso è ora amplificato dalla sua nuova natura da Fae, un’identità che non sente sua e soprattutto che non ha mai voluto per sé.

Quando finalmente le viene concesso di allontanarsi dalla sorella Feyre, sarà Cassian a diventare la sua ombra fastidiosa, che scatenerà nella ragazza dei sentimenti sempre più intensi e sorprendenti, che mai avrebbe pensato di poter provare.

Una minaccia oscura rischia di far sprofondare ancora una volta nel caos le Corti, il cui destino sembra ora nelle mani di Nesta e Cassian che dovranno fare i conti con ciò che il loro passato cela.

Continue reading

Review Party: Recensione di “La corte di ali e rovina” di Sarah J. Maas

« Stavo lavorando sul modo in cui la luce solare illuminava le venature delicate di un petalo di rosa, tentando di non pensare che una volta avevo visto la stessa immagine su un paio di ali Illyrian, quando la porta si aprì. Finsi di sembrare concentrata sulla pittura, ingobbendo un po’ le spalle, inclinando la testa. E recitai ancora meglio quando mi voltai lentamente, come se mi sforzassi sul serio di staccarmi dal quadro. Ma la vera lotta fu costringere la mia bocca a sorridere. Mi convinsi di sembrare sincera. Mi ero esercitata allo specchio. Di continuo. »

“La corte di Ali e Rovina” mette fine alla storia di Feyre, a cavallo tra mortali e Fae, divisa tra fedeltà e amore. Sarah J. Maas ci ha incatenato ha sé con vicende frenetiche e sentimenti intensi e contrastanti. L’avvicendarsi dei fatti che sconvolgono la vita della ragazza determinano non solo il suo cambiamento verso una nuova consapevolezza di sé e maturità, ma anche per un nuovo destino che caratterizza l’intera realtà in cui lei vive. Tutto questo senza badare a spese sui colpi di scena, che si susseguono uno dopo l’altro senza dare tregua, senza possibilità di scampo. Feyre non è mai stata una donna fragile, ma mai come adesso sprigiona una forza invidiabile, quasi spaventosa. Tamlin, Rhysand e tutti gli altri personaggi che ruotano attorno a lei, schierati da una parte piuttosto che l’altra, accrescono maggiormente il suo spirito selvaggio e indipendente, che sia per azioni volte a danneggiarla piuttosto che sostenerla.
Il terzo libro non ha nulla da invidiare ai suoi predecessori, in un modo originale è in grado di trasmettere emozioni positive e negative, in un modo crudelmente genuino, che fa pensare automaticamente che l’epilogo non poteva essere altro che quello descritto.
La trilogia di ACOTAR è perfetta per farsi un’idea del talento di Sarah J. Maas. Da oggi abbiamo la fortuna, grazie a Mondadori, di poter godere della serie completa e ben schierata in tutto il suo splendore nelle nostre librerie. Le copertine non sono forse una meraviglia? Ogni volta che le guardo mi commuovo spudoratamente!

Blog Tour: “La corte di ali e rovina” di Sarah J. Maas – Worldbuilding

Come ormai ben saprete, la serie di Acotar di Sarah J. Maas è un retelling di una delle favole più note, ovvero quella de La Bella e la Bestia.
Ma se c’è una cosa che davvero mi fa impazzire, e che non mi fa pensare ad una semplice rivisitazione è l’originalità dell’ambientazione creata dalla scrittrice, a cavallo tra un mondo oscuro, ferito e rovinato da antichi conflitti e uno magico, variopinto e affascinante.

Prima del Trattato che sancì la divisione 500 anni orsono, mortali e Fae vivevano in armonia, senza necessità di stabilire tra loro dei confini territoriali. Prythian, il Regno dei Fae, è diviso a sua volta, oltre che da Hybern, isola indipendente, da sette corti: quelle caratterizzate dalle quattro stagioni più tre, quella dell’Alba, del Giorno e della Notte. Il territorio di queste creature è molto vasto, lasciando ai mortali sono una piccola porzione di isola situata a sud.

Se il mondo dei Fae è caratterizzato da opulenza e ricchezze di ogni sorta, il regno dei Mortali è povero e sempre più in decadimento. La vita è ogni giorno un’ardua impresa e soprattutto è difficoltoso procurarsi sia i soldi che il cibo, sempre più scarseggiante. Anche chi ha vissuto una quotidianità agiata è costretto a sacrificare tutto per il proprio sostentamento.
Una caratteristica fondamentale del Regno dei Mortali è la vasta foresta che li separa dal Muro: il confine che li protegge dal Regno dei Fae. Sembra però che rappresenti una sorta di zona franca, in cui è possibile trovare sia mortali che Fae.

È qui che la storia di Feyre ha inizio, con l’incontro con colui che rappresenterà la sua condanna e il conseguente allontanamento dai suoi cari verso la Corte di Primavera. S’imbatterà in climi e atmosfere totalmente differenti tra loro, come se davvero si trovasse in una nuova dimensione e non ad un Muro di distanza da casa. Avere a che fare con le Corti come i mortali non facevano da secoli rappresenta un trauma dalle sfaccettature imprevedibili, difficile anche da raccontare a chi, per sua fortuna, non l’ha vissuto sulla propria pelle. La bellezza, si sa, può racchiudere orrori che intrappolano in una prigione dorata dandoti l’illusione della salvezza, ma senza fartela afferrare davvero.

Review Party: Recensione di “La corte di nebbia e furia” di Sarah J. Maas

« Non mi ero mai definita un’artista, non mi ero mai spinta tanto avanti e non avevo mai pensato a me stessa tanto in grande, ma… Dove un tempo c’erano stati colore e luce e struttura, c’era
solo una lurida cella di prigione. »

Feyre sperava che lasciandosi Amarantha alle spalle e tornando alla Corte di Primavera avrebbe potuto dimenticare tutti gli orrori visti, subiti, compiuti. Ma l’incubo la insegue: lo sente attaccato alla pelle, lo vede negli occhi di Tamlin. La Corte sembra non avere più quel potere palliativo che aveva saputo rasserenarla in passato. Come si può convivere con certi traumi? Come si può condividere il quotidiano con una persona che non è più la stessa? Il rapporto tra Feyre e Tamlin è messo a dura prova dal distacco e la freddezza di lui, che sembra quasi congelato nel tempo, senza considerare l’idea di andare avanti e trovare un miglioramento per sé stesso e per la donna.
E poi c’è Rhys, che lentamente e inesorabilmente torna da Feyre per riscuotere ciò che gli spetta dal patto fatto in passato.

Ebbene, sono davvero felice di poter affermare che Sarah J. Maas sia riuscita a conquistarmi completamente! “La corte di nebbia e furia” ha tutto quello che avevo apprezzato in “La corte di rose e spine” e molto, molto altro. L’angoscia e il timore sono ancora più intensi, le palpitazioni per ogni situazione in cui Feyre si ritrova sembrano voler far scoppiare il cuore. Il suo atteggiamento è istintivo e al tempo stesso maturo di fronte alle ennesime difficoltà che le si parano davanti. Si evolve con le esperienze, come è giusto che sia, crescendo e scoprendo nuove parti di sé. Il mondo fatato della Maas ha tutta la crudeltà e la cupezza che io amo poter vedere in un’ambientazione di questo tipo, che al contrario delle apparenze è più negativo e oscuro di quanto si pensi. Pensare alle fate, infatti, crea più delle volte l’illusione di un mondo rosa e pieno di brillantini, gioia e amore. Ma appunto, è proprio questo: nient’altro che un’illusione.

Non mi resta che aspettare settembre per “La corte di ali e rovina”, per scoprire cos’altro si è inventata questa scrittrice per tormentare i propri personaggi e far soffrire i suoi lettori!

Review Party: Recensione di “La corte di rose e spine” di Sarah J. Maas

« Digrignai i denti, avrei potuto esigere delle risposte da lui, gridargliele alle spalle mentre procedeva senza curarsi di me. Ma poi mi passarono accanto degli uccelli cinguettanti e una brezza mite mi baciò il viso. Davanti a noi notai un cancello di metallo circondato da una siepe.
La mia prigione o la mia salvezza, non sapevo decidere cosa fosse. »
Mors tua, vita mea. Questa è la dura legge della foresta. Questo è il mantra che l’uomo deve ripetersi per evitare di morire di fame. In un clima gelido, in ogni modo concepibile, Feye caccia ogni giorno per la sopravvivenza della famiglia. Non batte ciglio quando scocca le sue frecce contro un animale, sa che un pezzo di carne in più è un passo in meno verso la fine certa. Non ci pensa due volte, quindi, quando imbraccia l’arma contro un grosso lupo che nemmeno l’aveva attaccata. Lo abbatte, lo scuoia, ne mangia le carni e ne vende le pelli. Ma ad ogni azione, c’è una reazione. Mai avrebbe potuto immaginare che alla sua porta potesse bussare una Fae, creatura magica, che per riportare l’equilibrio e rispettare il Trattato pone la ragazza di fronte ad una condizione: una vita per una vita. Per salvare la sua famiglia, ancora una volta, Feye segue il visitatore a Prythian, luogo fatato in cui dovrà passare il resto della sua vita. La sua prigionia è stata voluta da Tamlin, un Fae Maggiore: nobili tanto affascinanti quanto crudeli. Al suo arrivo, però, la ragazza si renderà conto di quanto affascinante e rigoglioso sia quel mondo e di quanto quelle entità tanto temute tra le parole narrate nelle leggende sappiano essere cordiali e ospitali. Una prigione dorata, che via via si svela, mostrando il marcio, la malattia e un potente e misterioso maleficio. Il mistero più grande, però, si annida nell’esistenza di Tamlin: cosa si nasconde dietro alla bestia?
Da premesse come queste sembra quasi impossibile dedurre che la storia sia un retelling de La bella e la bestia: ma va bene così. Sarah J. Maas riesce a mascherare un qualcosa di già visto dietro ad un’ambientazione ricca e complessa, che incanta, proprio come le creature fatate di cui ha voluto scrivere una storia. Oltre a ciò, la caratterizzazione minuziosa dei personaggi è un punto di forza che fa sì che il lettore abbia chiaro di chi si sta parlando e possa decidere liberamente di patteggiare o meno per uno piuttosto che l’altro. Feye è una tosta, ma non per scelta, in quanto sono state le circostanze a costringerla ad abbandonare i panni di bambina per quelli di un’adulta. Senza la sua forza, però, non sarebbe stata in grado di sopravvivere, specie in una realtà così diversa come quella dei Fae. Tamlin, di contro, è un mostro in grado di essere gentile, quando vuole. Disorienta e stuzzica la curiosità di tutti fin dal primo istante. Ogni cosa non è mai come sembra, specie sull’aspetto romantico che caratterizza la buona parte del libro. 
Per una volta sono contenta che una lettura non mi prenda a raffica, ma che si faccia studiare, rallentando il mio solito ritmo, per farsi gustare come le prelibatezze del mondo fatato.

Promuovo “La corte di rose e spine” con il guizzo di curiosità che accompagna l’uscita del seguito, di cui ho sentito parlare sempre un gran bene, molto più di questo primo capitolo della serie. La Maas si conferma essere una scrittrice talentuosa e piena di risorse, che sa stupire, emozionare e tenere col fiato sospeso a suo piacimento.