Blog Tour: “Vite in attesa” di Julia Sabina – Essere giovani oggi

Per comprendere il romanzo di Julia Sabina, “Vite in attesa”, potrebbe semplicemente bastare soffermarsi un attimo in più sul titolo: è qui che si posa con chiarezza il significato della storia di Maribel, una ragazza piena di sogni e aspettative che desidera soltanto realizzarsi e raggiungere i propri obiettivi.

Ma la vita purtroppo è più ardua di quanto si possa pensare quando si è bambini e solo quando ci si ritrova nell’uragano degli adulti si arriva a capire che non è tutto rose e fiori e che spesso il quotidiano ti lascia fermo, statico. Solo, in attesa.

Continue reading

Blog Tour: “L’eredità celtica. Origini e antropologia dei Popoli Cisalpini” di Stefano Spagocci – Arte celtica

Quando si pensa all’arte celtica, consideriamo sempre per comodità e diffusione ciò che riconosciamo tale a eventi mondani o a ciò che fisicamente è più noto. Se il popolo celtico ha come paese di riferimento principalmente l’Irlanda, è da considerare che la nascita è in realtà da appropriarsi all’Europa.

Come ben sappiamo, infatti, “L’Eredità Celtica” di Stefano Spagocci nasce proprio come testo che vada a dimostrare non solo quanto appena detto ma in particolar modo quanto questo abbia influenzato i popoli cisalpini.

L’arte è formata da simboli particolari e specifici, che si ritrovano visivamente ovunque, bisogna solo sapere con che sguardo osservare. E’ un qualcosa che muta col tempo, i luoghi e la cultura e che nel complesso fanno parte di una eredità umana preziosa e imprescindibile.

L’oggettistica celtica è caratterizzata principalmente da elementi composti da metallo e pietra, risalenti circa tra l’anno 1000 a.C. e il V secolo a.C.

L’arte risalente alla cultura di Hallstatt è forse la più antica, risalente si pensa all’età del Bronzo ed è caratterizzata da una popolazione tendenzialmente di commerciati, un ricco popolo che poteva godere delle risorse minerarie. Oltre al bronzo è possibile trovare oggetti in argento e oro, seppur rari. I motivi più classici dell’arte celtica sono quelli geometrici, ma non mancavano mai di raffigurare animali e spirali.

L’arte lateniana, considerata dagli storici l’inizio della vera e propria arte celtica, prende come modello figure legate alla natura ma con un aspetto più curvilineo e armonioso. Qui non mancano mai gioielli e oggetti decorativi fatti in oro, pur non lasciando mai il ferro e il bronzo. I soggetti principali erano quindi foglie e arbusti, che potevano decorare qualsiasi cosa, dalle ciotole, ai gioielli alle sculture.

Non è però da dimenticare l’arte insulare, che prende come luogo principale l’Irlanda. L’influenza cristiana ha dato vita a opere come il Libro di Kells e le Croci celtiche. All’Irlanda si aggiunsero la Scozia e il Galles, realizzando preziosi manoscritti miniati.

La moderna rinascita celtica inizia intorno al periodo della scoperta della spilla di Tara nel 1850. Le spille aumentarono di popolarità e la rinascita balzò negli Stati Uniti, dove l’architettura e le lapidi iniziarono a mostrare motivi celtici.

L’espansione a quel punto è inarrestabile così come l’influenza su altre civiltà. Il loro apporto alla visione del mondo è senza precedenti, ritornando ancora al giorno d’oggi come stile d’arte ancora amato e voluto.