Blog Tour: “Julia Somerford” di Karen Aminadra – Presentazione e ambientazione

Oggi è per me un vero piacere potervi presentare un evento a cui tengo davvero molto, per un libro meritevole di essere letto: “Julia Somerford” di Karen Aminadra.

Di seguito trovate le informazioni utili per conoscere le basi dell’opera e insieme parliamo dell’ambientazione.

Titolo: Julia Somerford
Autore: Karen Aminadra
Traduttore: Daniela Mastropasqua
Illustratore: Chiara Noemi Monaco
Editore: Vintage Editore
Anno edizione: settembre 2020

Trama:

Bath, 1840. Una tazza di cioccolata calda: è questa ormai l’unica cosa che può riuscire a sollevare l’animo di Julia Somerford. Ma non una tazza di cioccolata qualsiasi, solo quella preparata alla Casa del Cioccolato gestita dai coniugi Foster. È in questo delizioso locale, tra l’aroma pungente delle spezie e del cacao, che Julia trascorre il suo tempo, seduta vicino alla vetrina per poter guardare la gente che passa e sognare altre vite e altre possibilità. È in questa graziosa cioccolateria, infatti, che la fanciulla viene lasciata dal padre mentre lui si allontana per badare ai propri affari. Ma non si tratta di lavoro, Julia l’ha capito: il padre va a giocare d’azzardo e, poco alla volta, sta perdendo tutti i loro beni.

E proprio dopo l’ennesima perdita, Julia è costretta ad accettare di sposare un perfetto sconosciuto che subito le sembra un essere spregevole. Il suo destino, insomma, appare segnato e il futuro una vita senza amore.

Julia Somerford è il primo libro della saga sulla famiglia Somerford. Una storia emozionante, con una protagonista che non potrà non entrare nel cuore dei lettori. Karen Aminadra torna ad affascinare i lettori italiani con la Vintage Editore.

Ambientazioni: 

Una delle capacità primarie che dovrebbe avere un autore è il modo in cui le ambientazioni del proprio romanzo vengono descritte: quando ciò accade, il lettore trova più facile focalizzare l’attenzione e immaginare i luoghi della storia che sta affrontando.

A Sud dell’Inghilterra, nella Contea di Somerset, prende vita la città di Bath, avente una storia antica e lontana come il tempo così come il bagaglio culturale che la rende sempre più affascinante agli occhi degli esterni.

Una delle particolarità tipiche di Bath sono le sue terme di origini romane, famose in tutto il mondo e da sempre apprezzate. Nessuno può perdersele, passando per di lì.

Sulla Milsom Street ha sede un luogo caro e particolare per Julia, in cui passa ogni momento che ha occasione e in cui spera che il tempo possa fermarsi: la Casa del Cioccolato dei coniugi Foster.

Bath è piena di negozietti come ristoranti, pasticcerie o bar, ma Julia è rimasta conquistata dal calore che si respira entrando in quel locale, tanto da sentire il suo malessere costante in qualche modo sanato dalle prelibatezze che può gustare.

Qui, Julia può ripensare a ciò che si è dovuta lasciare alle spalle, come i ricordi legati alla tenuta di Somerford Hall e al dolore che si è trascinata dietro. Una bella casa, con giardino, stanze lussuose e possibilità di ogni genere di svago.

Qualcosa di oscuro è capitato alla sua famiglia e la sta lentamente prosciugando. L’unico rimedio sembrerebbe dover sposare Sir Francis, anche se questo vorrebbe dire lasciare definitivamente tutto ciò che più le è caro, perfino la sua stessa casa.

Rimarrete di certo colpiti da una storia emozionante e originale, di cui vi rimarranno impressi il fascino dei luoghi e i profumi che questi incredibilmente emanano.

Blog Tour: “Il signore dei Piccioni” di Stefano Stanzione – Il protagonista

Quando un buon libro ha un buon protagonista, è un punto a favore per rendere la lettura memorabile. Addentrandovi tra le pagine di “Il signore dei Piccioni”, farete la conoscenza di un uomo all’apparenza comune ma che si rivelerà subito qualcuno di cui vi ricorderete per un bel pezzo: Eric Dove.

Dopo aver fatto a pugni, letteralmente, per tutta una vita, ora Eric deve affrontare la morte della amica più cara, Emilia, falciata in un incidente stradale da cui non si risveglierà più. Anche il pugile, ora non più in carriera, desidererebbe non risvegliarsi, ma la vita va avanti, nonostante prendere la decisione di andare via, lontano da tutto, fino a giungere nel piccolo paesino laziale di Ponza, sembra sia servito a poco. Anche qui, la tragedia lo ha raggiunto.

Esattamente come il passato, che lo tormenta attraverso i video storici dei suoi incontri di boxe, che gli rammentano l’alcool e le droghe assunti, così come le aggressioni di cui è stato protagonista. Poteva tenere il mondo nel palmo e si è fatto abbindolare da sostanze incantevoli che lo hanno infine stroncato nel pieno del successo.

Ciò che vuole ora, però, è la pace assoluta, un punto di partenza da cui ripartire, fisicamente e mentalmente. Colui che viene ricordato come brutale e rabbioso dovrà impegnarsi per diventare l’uomo tranquillo e riflessivo che desidera.

La morte di Emilia, però lo sconvolge a tal punto da non riuscire più a starsene isolato, ma piuttosto ad andare in fondo alla faccenda e scoprire le reali dinamiche dell’accaduto. Eric, però, non è da solo come crede: ad accompagnarlo ci sono i piccioni, con cui ha instaurato un rapporto speciale che trascende la specie differente, entrando gli uni del cuore dell’altro, sentendosi, insieme, in pace nel proprio quotidiano.

Eric Dove è un personaggio che viene abilmente caratterizzato nonostante il romanzo sia corto, rendendo lodevole la cura nella sua costruzione, così come l’evoluzione che affronta e che sa come colpire il lettore. Un protagonista degno di nota che affronta i propri errori a testa alta cercando con tutte le proprie forze di essere la persona di cui andare più orgoglioso.

Blog Tour: “Le Cronache di Alaster I – Drago” di Leonardo Tomer

Oggi, Lunedì 28 Settembre, inizierà un viaggio carico di avventura alla scoperta di Jordin, dove le Blogger partecipanti ci guideranno con entusiasmo per lande inesplorate, tortuosi labirinti, ed eventi epici, narrandoci i punti salienti di questo romanzo, che sicuramente ci stupiranno e faranno venir voglia di scoprire sempre di più di questo fantastico mondo. L’evento ci terrà compagnia fino al 20 Novembre, e avrete tutto il tempo di innamorarvi di questa storia, di cui potete leggere tutte le tappe di seguito. Quindi, non mi resta che augurarvi buona lettura, o meglio, buon viaggio! Gustatevi il book trailer a questo link. Continue reading

Review Party: Recensione di “Midnight Sun” di Stephenie Meyer

Questo è il momento più opportuno per ammettere che la saga di Twilight ha in parte segnato la mia carriera di lettrice. Questo perché a cavallo tra le medie e il liceo già avevo a che fare con la letteratura legata all’universo dei vampiri e il primo libro di Stephenie Meyer lo lessi in tempi non sospetti, suscitando l’entusiasmo di chi mi conosceva quando venne annunciato il film. La saga è stato un tramite per creare nuove amicizie e alcuni dei ricordi legati a essa sono ancora cari in me.

“Midnight Sun” non è altro che “Twilight” narrato dal punto di vista di Edward Cullen, un romanzo che da adolescente attendevo e per cui mi ero dispiaciuta quando l’autrice decise di non portarlo a termine a causa dei capitoli leakati e messi in rete. Da quel poco che lessi, ricordo un’atmosfera cupa e ansiogena, sentimenti che accompagnano il protagonista nella conoscenza di Bella Swan e il tormento che gli da sia starle lontano che vicina.

Devo dire che un romanzo così corposo non me lo sarei mai aspettata, infatti se non sbaglio questo supera di gran lunga il numero di pagine di Breaking Dawn e di certo quello della sua controparte Twilight. Seguire Edward nel suo percorso mentale, di crescita e cambiamento è stato un tuffo letterale nel passato e, devo ammetterlo, mi è salita la nostalgia. Penso proprio che questo romanzo serva proprio a questo, a ricreare ciò che c’è stato in passato e alimentare ancora una volta la fiamma data da una storia che, nel bene e nel male, ha fatto parlare di sé a lungo e di cui tutt’ora ancora si parla.

La Meyer non ha perso lo smalto e porta a termine con naturalezza e fluidità l’opera, che penso sia stata anche per lei motivo di emozione e nostalgia. Quello che più mi ha fatto pensare sono stati proprio i sentimenti da lei provati nel tornare a salutare luoghi e personaggi che ha amato con tutta sé stessa, comparati alle emozioni dei fan sparsi nel mondo che hanno accolto con alte aspettative l’arrivo di Midnight Sun.

Se siete (stati) fan della saga di Twilight sicuramente non potete perdervi questa nuova uscita in libreria, che vi porterà a farvi battere il cuore come un adolescente alle sue prime cotte.

Cover Reveal: “Lux – Oltre il varco” di Alexandra Rose e Livia Crowne

Oggi vi presento un’opera davvero interessante scritta a quattro mani: “Lux – oltre il varco” di Alexandra Rose e Livia Crowne. Di seguito tutti i dettagli.

Titolo: Lux – oltre il varco;
Autore: Alexandra Rose, Livia Crowne;
Casa editrice: Selfpublishing;
Genere: Romance, distopico, sci-fi;
Data di uscita: 14 ottobre 2020;
Formato: ebook e cartaceo;
Prezzo ebook: 2,99 euro;
Prezzo cartaceo: 15 euro;

Trama:

Parigi, 2026. Il mondo è cambiato. Il Lux23, un nuovo elemento chimico, ha arricchito la tavola periodica. Il governo francese sostiene che il Lux23 sia il moderno petrolio, con il vantaggio di essere sicuro e poco inquinante. Ma è davvero così? Urielle, specializzanda in oncologia in un ospedale parigino, non ci crede. Cinque anni prima la sua esistenza è stata stravolta e ha tutta l’intenzione di dimostrare la pericolosità del Lux.

Finché, in una giornata come tante, apre una porta. Il vuoto la sommerge e nulla sarà più come prima.

Mosca, 2336. In seguito alla Terza Guerra Mondiale per il possesso del Lux, il mondo è profondamente mutato in un nuovo assetto geo-politico. La Terra è spaccata da due dittature: la Nuova Unione Socialista e l’Unione Capitalista. Sergej è una biomacchina di morte della Nuova Unione Socialista. La sua vita ruota attorno al partito e al patrigno, Arkadij Bachvalov, governatore moscovita. Uno dei suoi scopi principali è quello di arrestare gli appartenenti a un’organizzazione terroristica che mira a utilizzare varchi spazio-temporali per tornare indietro nel tempo e impedire la scoperta del Lux. Inaspettatamente, i destini di Urielle e Sergej si scontrano e si intrecciano, in una fuga da se stessi e dalle paure più profonde che albergano nei loro animi.

Estratti:

D’istinto, con lo stomaco attorcigliato, Urielle sollevò le braccia cinte dalle manette e allungò le dita verso di lui, verso la faccia dell’uomo che aveva amato e perso. Negli occhi del soldato baluginò una palese incredulità. Quando l’indice tremante di Urielle gli sfiorò la pelle ruvida, lui le afferrò il polso con uno scatto felino. Serrò le labbra in una linea sottile e la scrutò a fondo saccheggiandole l’anima. La ragazza si sentì schiacciare dal peso di quello sguardo. «Cosa stai facendo?» le domandò in un sussurro. Non c’era nessuna emozione in quella voce piatta.

Il suo sguardo fisso su di lui bastò ad alleggerire il carico che gli gravava nel petto, la tempesta che aveva dentro si dissolse e tutta la rabbia sfumò subito dopo. Gli venne spontaneo asciugarle una lacrima solitaria imbrigliata tra le ciglia per restituirle la sua gratitudine. Nonostante avesse le mani coperte dai guanti, le sue dita sfiorarono le guance rosee di lei con delicatezza. Avrebbe tanto voluto ringraziarla, sfogarsi a parole, sciogliersi insieme a lei, ma riuscì soltanto a mantenere quel contatto visivo così insistente. Desiderò baciarla, per capire cosa si provasse a compiere un gesto del genere solo per il puro gusto di farlo.