Review Party: Recensione di “Big Bad Bunny” di Samuele Fabbrizzi

« Certe cose vanno così e basta. Ci sono buchi, nel cuore, che nessuno è in grado di tappare. Difetti di produzione che nessuno può aggiustare. Non siamo noi a fottere i sogni, sono i sogni che fottono noi. E ci cambiano. A che serve avere un mucchio di parole se nessuno ha voglia di ascoltarle? »


Tutto è iniziato come un gioco. Perversione, divertimento, una gita in compagnia. Situazioni diverse, stesso declino.
Il legame tra Demetria, Fargo, Pedro, Jennifer, Sonia e Damasco è appeso ad un sottile filo invisibile, fatto di follia, scontri, fraintendimenti e tradimenti. Sembrano non avere nulla in comune, ma è come se qualcosa di ignoto li avesse uniti, quel giorno, per spingerli a mettersi in viaggio verso un concerto a cui non giungeranno.
Perché sul loro cammino, con prepotenza, si affaccia Los Monstruos. Luogo di inganni, inquietudine ed orrore, pronto a catturarli e intrappolarli in un incubo di dolore e sangue. Ma questo è necessario: solo questo, per la gratificazione del Grande Coniglio.

“Big Bad Bunny” è un horror intenso che, seppur breve, riesce ad instillare nel lettore una paura viscerale, così come l’inquietudine e il giusto voltastomaco per la descrizione di determinate scene. Non è di certo una lettura per tutti, ma un buon trampolino di lancio per gettarsi in un genere di difficile apprezzamento. La crudeltà trasuda dalle parole scritte da Samuele Fabbrizzi, torturando l’immaginazione fino a far credere di assistere davvero agli accadimenti che sconvolgono le vite dei personaggi. C’è qualcosa di sovrannaturale legato al Marvin Hotel di Los Monstruos che va oltre la comprensione di tutti, sia dei protagonisti sia degli spettatori che impotenti osservano dall’esterno. Andare al di là dell’intelletto terreno significa mettere in discussione qualsiasi principio, fino ad insinuare il dubbio sull’esistenza di un superiore che non dà scampo, che può trasformarti in un burattino cui basta un niente per staccare la testa.
Terrore e mistero si uniscono, perché più del solo timore è l’unione con l’ignoto che manda il sangue al cervello. Conoscere il destino delle vittime diventa quasi una missione di espiazione, per tutte quelle volte che leggendo la preparazione della carne da macello si è distolto lo sguardo dalle parole, per non soffrire ulteriormente.
Mentre le urla continuano a rimbombare.

Blog Tour: “Book blogger. Scrivere di libri in Rete: come, dove, perché” di Giulia Ciarapica – Biografia Autrice

Il meraviglioso #BBmagicaltour dedicato al libro “Book blogger. Scrivere di libri in Rete: come, dove, perché” di Giulia Ciarapica oggi fa tappa in questa tana di passioni. Sono davvero felice di poter partecipare ad un evento tanto grande quanto coinvolgente e mio è il compito di presentarvi oggi l’autrice protagonista del Blog Tour.
TAPPE:
Giulia è nata a Fermo il 21 Dicembre 1989. 
Si è laureata in Filologia Moderna presso l’Università degli studi di Macerata e dal 2014 ha intrapreso la carriera di blogger e critica letteraria. Collabora con diverse case editrici (come GiuntiLonganesi) e testate online, tra cui Huffington Post con la rubrica Food&BookSoloLibriIl Foglio e Il Messaggero
È attiva nell’organizzazione di eventi culturali (come l’International Journalism Festival di Perugia, quest’anno dal 11 al 15 di Aprile) e non da ultimo tiene molto al contatto con i giovani, attraverso delle lezioni organizzate in diverse scuole. A marzo, infatti, si è svolto il corso di book blogging e social network nelle scuole di Macerata. 
Il suo colore preferito è il rosa e, nonostante leggere sia una sua grande passione, ha affermato che fino all’età di quindici anni non era per niente interessata alla lettura. Da bambina, però, ha visitato a Recanati con la famiglia la casa di Giacomo Leopardi, autore che l’ha colpita al punto da farle recuperare ogni poesia da lui scritta.
Tra i suoi libri preferiti spiccano “L’isola di Arturo” di Elsa Morante, “Il viaggio nel passato” di Stefan Zweig, “Il Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa  e “Un amore” di Dino Buzzati.
Grazie alla casa editrice Franco Cesati Editore, l’8 Febbraio è uscito in libreria “Book blogger. Scrivere di libri in Rete: come, dove, perché”, riscuotendo subito successo tanto da andare in ristampa già dopo il primo mese di vendite. Attraverso la sua opera, Giulia dà la personale definizione di book blogger e cerca di spiegare l’attività di critica letteraria. “Recensioni”, “Bookstagram”, “Book Haul” sono termini comuni per chi è del mestiere, ma grazie a questo manuale anche i meno esperti o profani possono farsi un’idea costruttiva sul parlare e scrivere di libri.
I tre segreti per essere blogger? Sincerità, costanza e divertimento.
Se volete, potete seguirla qui:
– Facebook 
– Twitter 
– Instagram 
Il libro è disponibile all’acquisto sul sito dell’editore e qui

Cover Reveal: “Né a Dio né al Diavolo” di Aislinn

La fangirl che è in me è lietissima di presentarvi il nuovo libro di Aislinn in uscita al Salone del Libro di Torino: “Né a Dio né al Diavolo”, edito da Gainsworth Edizioni.
Per me è un’emozione grande vedere una persona che stimo da anni tornare finalmente nel panorama letterario, non posso esimermi dall’augurarle un grosso in bocca al lupo per questo nuovo traguardo!
Se non conoscete la duologia “Angelize” edita da Fabbri, fidatevi e recuperatela.

Di seguito i dati del libro e un piccolo estratto.
Aislinn si è fatta attendere, ma sono certa che non deluderà le aspettative di chi bramava da tempo questa nuova uscita.


Trama:
Biveno. “Capitale del nulla”. Sessantamila anime dimenticate da Dio ai piedi delle Alpi piemontesi. Da lì un giorno d’estate del 2010 parte una macchina diretta a un colossale festival metal in Germania, con a bordo il terzetto peggio assortito della storia: Ivan, senza lavoro ma con qualche segreto, depresso con l’orlo del baratro a portata di mano; Tom, idraulico per professione e giullare per vocazione, troppo abituato a fingere di essere un idiota; e il tizio silenzioso che tutti chiamano Lucifero, capelli lunghi e occhiali scuri d’ordinanza, vampiro da quasi quattrocento anni. E non serve a nulla che lui parli tranquillamente della sua vera natura, tanto nessuno ci crede, Tom meno di chiunque altro. Dovranno cominciare a balenare gli artigli e a scorrere il sangue perché i due ragazzi si rendano conto che frequentare un mostro non è innocuo come una canzone black metal. Men che meno un mostro che si trascina dietro amanti immortali, vendette secolari e una sete che nulla al mondo può spegnere. Ma le notti sono lunghe a Biveno, e c’è tempo per imparare…
Estratto:
“Il sangue gli riempiva la gola. Inzuppava la paglia. Lui tremò, tremò più forte. Scivolò su un fianco. Il respiro era più faticoso. Un’ombra gelida sommerse la cella, lo strinse in un’ultima morsa. Era un buio aggressivo, eppure quasi rassicurante. Tutto scorreva via. Anche le parole si perdevano, e se pure avesse avuto ancora voce, le parole che gli rimanevano non le avrebbe rivolte né a Dio, né al diavolo. La promessa che aveva infranto non l’aveva fatta nel loro nome.”